Disabili rischiano di rimanere a piedi, bisogna intervenire con urgenza

Disabili rischiano di rimanere a piedi, bisogna intervenire con urgenza

Dal primo gennaio il servizio sarà sospeso. I consiglieri d’opposizione a Guglionesi chiedono all’amministrazione se e quali provvedimenti abbia messo in campo

Porta la data del 10 ottobre 2022 la nota che la Fondazione ‘Padre Alberto Mileno’ ha inviato al Comune di Guglionesi. Oggetto della comunicazione la ‘sospensione del trasporto disabili’ che la onlus, da oltre vent’anni, svolge anche nel centro bassomolisano.

Nello specifico parliamo di una prestazione che interessa quattro persone, affette da gravi patologie invalidanti, residenti a Guglionesi e che frequentano il centro riabilitativo “San Francesco d’Assisi” a San Giacomo degli Schiavoni.

Una premessa necessaria per comprendere il motivo della preoccupazione che ha portato i consiglieri d’opposizione D’Astolfo, Tomei e D’Urbano ad interrogare l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Guglionesi, Carmela Minchillo.

Alla luce della normativa vigente – scrivono – che prevede come il trasporto dal domicilio alla struttura sia a carico degli enti locali di competenza, i consiglieri chiedono se e quali provvedimenti abbia messo in campo l’amministrazione per garantire il servizio. In sostanza, né i disabili né le loro famiglie vanno lasciati a piedi. Il rischio che ciò accada si concretizzerà a breve, dal primo gennaio 2023 infatti la Fondazione che ha sede a Vasto sospenderà il trasporto, causando non pochi problemi ai soggetti che ne hanno usufruito fino ad ora.

Una delle soluzioni – e così chiudono Tomei, D’Astolfo e Minchillo – potrebbe essere di affidare il servizio tramite avviso pubblico. Strada già percorsa dal altrui comuni chiamati a fare i conti con lo stesso problema.