Finisce su Dagospia la ”guerra” dichiarata da Toma alla Sanità privata

Finisce su Dagospia la ”guerra” dichiarata da Toma alla Sanità privata

Con un pezzo a firma dell’ex ministro Dc, Paolo Cirino Pomicino, finisce addirittura su Dagospia (il sito nazionale di gossip più cliccato in assoluto) la vicenda della ”guerra” dichiarata da Donato Toma alla sanità privata molisana.
”La sanità molisana sta esplodendo nel silenzio del Governo”, questo il titolo del pezzo di Cirino Pomicino che continua così:
“La sanità del Molise sta esplodendo con un rischio mortale per tanti pazienti, molti dei quali gravi, ricoverati in due istituti a carattere scientifico, il Gemelli di Campobasso e la Neuromed (scienze neurologiche) di Isernia. L’avvicinarsi delle elezioni sembra abbia fatto uscire di senno il commissario governativo nonché presidente della Regione Donato Toma. L’ultimo provvedimento adottato sembra da manicomio perché imporrebbe ai due centri di eccellenza di non dare più prestazioni mediche e chirurgiche a partire dallo scorso primo novembre. Tale provvedimento imporrebbe l’immediato trasferimento di centinaia di pazienti in attesa di interventi chirurgici delicati (dalla neurochirurgia alla cardiochirurgia o addirittura in terapia intensiva). Tale folle decisione, a giudizio della stampa locale sarebbe legato alla mancata ricandidatura dello stesso Toma nelle prossime elezioni regionali da parte del centro-destra. A sostegno del nuovo “Nerone” molisano c’è anche l’attività del vicecommissario Papa, avvocato pieno di interessi professionali nel settore della sanità e nominato dall’ex ministro Speranza. Ciò che sconvolge è che il tutto era già noto ai due ministri competenti del passato governo, Daniele Franco al Tesoro e Roberto Speranza alla Salute, probabilmente fuggiti impauriti davanti a queste follie. Oltre alla assurda decisione di dire ad un ospedale di smettere di dare prestazioni mediche ai già ricoverati, il provvedimento impone anche di non ricoverare più nessuno ed in più la Regione di Donato Toma ha “sequestrato” le risorse versate da altre Regioni per prestazioni eseguite nel 2020 e 2021 dal Gemelli e dalla Neuromed senza poi riversarle nelle casse dei due ospedali mettendo così in crisi le forniture per l’assistenza ospedaliera. Sembra un racconto dell’orrore ma tutte le fonti lo confermano. I ministri Giorgetti e Schillaci, economia e salute, così come le relative procure della Repubblica, sinora non hanno battuto un colpo e se tutto ciò che racconta la stampa locale fosse vero, ed è vero, sarebbe urgente la rimozione immediata dei due commissari governativi ritenendola una sorta di trattamento sanitario obbligatorio a tutela della salute di centinaia di ammalati”.
E’ chiaro che si tratta di affermazioni a firma di Cirino Pomicino, che se ne assume tutta la responsabilità e che riportiamo per dovere di cronaca, visto il risalto nazionale assunto dalla vicenda. Ora, però, è altrettanto prevedibile che, a breve, arriverà la replica di Donato Toma, tirato in ballo, suo malgrado, da Dagospia il sito che, per primo, ha anticipato la fine del matrimonio tra Totti e Ilary.